NEWS - www.medicopratico.it - sito di Medicina Pratica Territoriale

Vai ai contenuti

Menu principale:

NEWS

Quaderni della Salute:
Sono obesi sei milioni di italiani

L’obesità interessa sei milioni di adulti e, insieme al problema del sovrappeso, un milione di bambini (pari al 35%). Queste le cifre sul fenomeno emerse dal decimo volume della collana Quaderni del ministero della Salute dal titolo «Appropriatezza clinica, strutturale, tecnologica e operativa per la prevenzione, diagnosi e terapia dell'obesità e del diabete mellito». Una situazione che  può provocare conseguenze gravi, anche se c’è da dire che non è omogenea su tutto il territorio nazionale, tanto che si passa da una situazione come quella della Valle D'Aosta, che presenta una percentuale di bambini obesi o in sovrappeso del 23%, alla Campania, che ha tassi fino al 49%.  Il tutto probabilmente legato alle scarse  politiche di prevenzione e a programmi di attività fisica nelle scuole ancora inadeguati. Dal tale rapporto arriva anche una fotografia sulla diffusione del diabete, che interessa tre milioni di persone, oltre a un altro milione che presenta la glicemia alta senza saperlo. Dati che destano preoccupazione, perché nel 2010 il diabete ha determinato il 10-15% della spesa sanitaria nazionale e per di più, secondo alcune proiezioni effettuate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, risultano in aumento. La previsione è di arrivare al 2015 a più di 300 milioni di diabetici. Per quanto riguarda il soprappeso le stime sono per circa 2,3 miliardi di individui, con più di 700 milioni di persone obese.



Licopene:
potenziale supplemento nutrizionale per la prevenzione delle malattie cardiovascolari

Il licopene presente nei pomodori, elemento primario della Dieta Mediterranea, è un carotenoide con peculiari proprietà antiossidanti, ipolipemizzanti, antiinfiammatorie. Il beneficio del licopene sulle patologie cardiovascolari (CV) è avvalorato da studi epidemiologici che indicano un effetto dose-risposta. Sulla base di queste evidenze, la supplementazione nutrizionale con basse dosi di licopene è stata proposta come misura preventiva per contrastare e migliorare numerosi aspetti delle malattie CV.  

Lycopene and Cardiovascular Diseases: An Update.
Mordente A, Guantario B, Meucci E et al.
Curr Med Chem. 2011 Feb 3. [Epub ahead of print]
Abstract
Cardiovascular disease (CVD) is the leading cause of death in Western societies and accounts for up to a third of all deaths worldwide. In comparison to the Northern European or other Western countries, the Mediterranean area has lower rates of mortality from cardiovascular diseases and cancer, and this is attributed, at least in part, to the so-called Mediterranean diet, which is rich in plantderived bioactive phytochemicals. Identification of the active constituents of the Mediterranean diet is therefore crucial to the formulation of appropriate dietary guidelines. Lycopene is a natural carotenoid found in tomato, an essential component of the Mediterranean diet, which, although belonging to the carotenoid family, does not have pro-vitamin A activity but many other biochemical functions as an antioxidant scavenger, hypolipaemic agent, inhibitor of pro-inflammatory and pro-thrombotic factors, thus potentially of benefit in CVD. In particular, the review intends to conduct a systematic analysis of the literature (epidemiological studies and interventional trials) in order to critically evaluate the association between lycopene (or tomato products) supplementation and cardiovascular diseases and/or cardiovascular disease risk factors progression, and to prepare provision of evidence-based guidelines for patients and clinicians. Several reports have appeared in support of the role of lycopene in the prevention of CVD, mostly based on epidemiological studies showing a dose-response relationship between lycopene and CVD. A less clear and more complex picture emerges from the interventional trials, where several works have reported conflicting results. Although many aspects of lycopene in vivo metabolism, functions and clinical indications remain to be clarified, supplementation of low doses of lycopene has been already suggested as a preventive measure for contrasting and ameliorating many aspects of CVD.



Il profilo lipidico è il link tra Dieta Mediterranea e beneficio cognitivo nell’anziano

L’effetto protettivo della Dieta Mediterranea (DM) sul rischio di demenza potrebbe essere mediato dagli effetti sul profilo lipidico. Uno studio francese ha valutato la correlazione tra aderenza alla DM e profilo lipidico in 1.050 soggetti anziani (età media 75,9 anni) residenti in una casa di riposo. L’aderenza alla DM è risultata positivamente associata ai livelli plasmatici di DHA, all’indice EPA+DHA e al livello totale di PUFA n-3, mentre è stata osservata un’associazione inversa tra DM e i rapporti n6:n3 PUFA, AA:EPA, AA:DHA, AA:(EPA+DHA). Questi risultati suggeriscono che l’effetto protettivo della DM sulla funzione cognitiva sia mediato da elevati livelli plasmatici di DHA e da bassi rapporti n6:n3 PUFA.
(DHA=acido docosaesanoico; EPA=acido eicosapentanoico; PUFA=acidi grassi polinsaturi; AA=acido arachidonico)

Adherence to a Mediterranean diet and plasma fatty acids: data from the Bordeaux sample of the Three-City study.
Féart C, Torrès MJ, Samieri C et al.
Br J Nutr. 2011 Feb 8:1-10.

Abstract
Higher adherence to a Mediterranean diet (MeDi) and n-3 PUFA may both contribute to decreased dementia risk, but the association between MeDi adherence and lipid status is unclear. The aim of the present study was to analyse the relationship between plasma fatty acids and MeDi adherence in French elderly community dwellers. The study population (mean age 75•9 years) consisted of 1050 subjects from Bordeaux (France) included in the Three-City cohort. Adherence to the MeDi (scored as 0-9) was computed from a FFQ and 24 h recall. The proportion of each plasma fatty acid was determined. Cross-sectional analysis of the association between plasma fatty acids and MeDi adherence was performed by multi-linear regression. After adjusting for age, sex, energy intake, physical activity, smoking status, BMI, plasma TAG and apoE-?4 genotype, plasma palmitoleic acid was significantly inversely associated with MeDi adherence, whereas plasma DHA, the EPA+DHA index and total n-3 PUFA were positively associated with MeDi adherence. The n-6:n-3 PUFA, arachidonic acid (AA):EPA, AA:DHA and AA:(EPA+DHA) ratios were significantly inversely associated with MeDi adherence. Plasma EPA was positively associated with MeDi adherence only in apoE-?4 non-carriers. There was no association between MeDi adherence and SFA and total MUFA. The present results suggest that the protective effect of the MeDi on cognitive functions might be mediated by higher plasma DHA and lower n-6:n-3 PUFA ratios.


Obese adolescents have high incidence gallstones

28/08/2012
medwireNews : The recent rise in childhood obesity has led to a dramatic increase in the number of older children and adolescents with gallstones, say researchers.
"Although gallstones are relatively common in obese adults, gallstones in children and adolescents have been historically rare," said study lead author Corinna Koebnick (Kaiser Permanente Southern California, Pasadena, USA) in a press statement.
"These findings add to an alarming trend-youth who are obese or extremely obese are more likely to have diseases we normally think of as adult conditions."
Koebnick and team evaluated the incidence of gallstone disease in 510,816 children aged 10-19 years who were enrolled in an integrated Kaiser Permanente health plan between 2007 and 2009.
In total, 766 children had a diagnosis of gallstones. Using boys in the underweight/normal weight category (below 85th body mass index [BMI]-for-age percentile) as a reference, boys who were overweight (85th-95th BMI-for-age percentile), moderately obese (95th to 1.2x95th BMI-for-age percentile), and extremely obese (over 1.2x95th BMI-for-age percentile) had a significant 1.46-, 1.83-, and 3.10-fold increased risk for gallstones, respectively.
Similarly, girls who were overweight, moderately obese, and extremely obese had significant 2.73-, 5.75-, and 7.71-fold increased risks for gallstones compared with those in the underweight/normal weight category.
Of note, girls who used oral contraceptives were twice as likely to have gallstones as girls of a similar weight who did not.
"The high rate of gallstones in obese children and adolescents may surprise pediatricians because gallstone disease is generally regarded as an adult disorder. Since obesity is so common, pediatricians must learn to recognize the characteristic symptoms of gallstones," said co-author George Longstreth, also from Kaiser Permanente Southern California.
"With increasing numbers of cases of gallstones in children, we wanted to better understand the potential role of risk factors such as obesity, gender, ethnicity, and oral contraceptive use," added Koebnick.
"With childhood obesity on the rise, pediatricians can expect to diagnose and treat an increasing number of children affected by gallstone disease. It is important to identify other factors that increase risk as well."
By Helen Albert, Senior medwireNews Reporter


Contro obesita' non solo diete ma sonno adeguato

Roma, 17 set. (Adnkronos Salute) - Per perdere peso non bastano solo i sacrifici a tavola e gli sforzi in palestra o al parco. Secondo ricercatori canadesi, senza la giusta attenzione anche al riposo notturno è più difficile perdere peso. L'editoriale, pubblicato sulla rivista 'Canadian Medical Association Journal', sostiene che la mancanza di sonno aumenta lo stimolo a consumare una maggiore quantità di cibo e mette in serio pericolo l'equilibrio ormonale alla base dell'appetito. Con conseguenze negative su chi ha scelto di mettersi a dieta.
Per questo il 'Canadian Obesity Network' ha deciso di includere il miglioramento del riposo notturno tra le strategie per la lotta all'obesità da parte dei medici.
"Per buttare giù i chili di troppo non basta solo mangiare meno o muoversi di più - avvertono gli scienziati dell'Eastern Ontario Research Institute (Ottawa) e della Laval University (Québec), autori di una ricerca pubblicate recentemente sul teme - è importante anche non trascurare il sonno. Una maggiore attenzione al riposo notturno - sottolineano - dovrebbe essere uno dei consigli inclusi dai nutrizionisti quando elaborano regimi alimentari per perdere peso, mentre tradizionalmente ci si concentrata su cosa i pazienti obesi non devo mangiare e sull'incremento dell'attività fisica".


Bypass gastro-intestinale in obesi riduce comorbidità

Nei pazienti gravemente obesi, l’intervento di bypass gastro-intestinale con ansa alla Roux (Rygb) è efficace nel produrre una più frequente remissione del diabete e nel ridurre i rischi di malattie, tra cui quelle a carico dell’apparato cardiovascolare. Lo dimostra uno studio prospettico americano effettuato su 1.156 pazienti, per l’82% donne, con indice di massa corporea superiore o uguale a 35 (in media 45,9). Tra i partecipanti, 418 sono stati sottoposti a chirurgia Rygb e la perdita di peso ottenuta si è mantenuta nel 94% dei casi alla distanza di due anni e nel 76% dei casi dopo sei anni. Nel controllo eseguito a sei anni, i pazienti in cui era stato effettuato il bypass Rygb hanno mostrato una riduzione di peso del 27,7% rispetto al valore iniziale, mentre coloro che non erano stati operati non hanno fatto registrare variazioni di peso significative. L’incidenza del diabete durante il follow-up si è fortemente ridotta nei pazienti sottoposti a bypass gastro-intestinale; la remissione del diabete ha raggiunto il 62%, rispetto alle percentuali molto inferiori (intorno al 7%) osservate nei gruppi di controllo. Uno degli autori dello studio - Sheldon Litwin, dell'università della Georgia - rileva che, anche se il modo migliore per combattere l’obesità è l’esercizio fisico combinato con abitudini salutari, in alcuni casi la chirurgia può essere l’unica soluzione per indurre questo cambiamento nello stile di vita.
JAMA, 2012; 308(11):1122-31


Attività aerobica riduce sovrappeso e rischi in bambini obesi
In uno studio su 222 bambini sedentari sovrappeso od obesi, un programma di 20 o 40 minuti di esercizi aerobici ha mostrato, dopo 13 settimane, un miglioramento della fitness, benefici riguardo all’insulino-resistenza e all’adiposità generale e viscerale, indipendentemente dal sesso. I partecipanti, dall’età media di 9,4 anni, per il 42% maschi, per il 58% di colore e per la maggior parte obesi (85%), sono stati arruolati in 15 scuole pubbliche in Georgia, negli Stati Uniti. Suddivisi in tre gruppi, 71 bambini hanno ricevuto un training aerobico della durata di 20 minuti al giorno per cinque giorni alla settimana, 73 hanno praticato gli stessi esercizi per 40 minuti giornalieri, mentre i rimanenti 78 hanno continuato la loro normale attività fisica. Il programma è durato 13 settimane, al termine delle quali si sono rilevate le differenze riguardo a diversi fattori. L’area sotto la curva dell’insulina (indicativa di rischio di diabete) nel gruppo di bambini sottoposti a esercizi di durata maggiore, si è ridotta mediamente di 3,56 punti rispetto al gruppo di controllo, mentre si è avuto una riduzione media di 2,96 tra i bambini inseriti nel programma meno intenso. Anche il grasso corporeo e il grasso viscerale hanno mostrato variazioni differenti in relazione al diverso dosaggio di esercizi fisici praticati, con effetti più marcati associati al programma di 40 minuti giornalieri. Invece, gli effetti sulla fitness sono stati simili nei due gruppi di intervento e comunque positivi rispetto ai bambini che non avevano ricevuto il training aerobico.
JAMA, 2012; 308(11):1103-12


Obesità, antiepilettico efficace ma con effetti avversi
Zonisamide, farmaco antiepilettico impiegato per  supportare il counseling dietetico e comportamentale nei pazienti obesi, alla dose di 400 mg/die migliora in modo moderato la perdita di peso ma provoca un'alta incidenza di eventi avversi. Lo si è visto in uno studio in dopio cieco condotto al Duke university medical center di Durham (Usa) su 225 soggetti obesi non diabetici (Bmi medio: 37,6), di cui il 59,6% costituito da donne. I partecipanti sono stati suddivisi in modo randomizzato in 3 gruppi di intervento, con somministrazione quotidiana per 1 anno di un placebo (n=74) oppure di 200 mg o 400 mg di zonisamide (rispettivamente, n=76 e n=75), in aggiunta alla dieta e al counseling comportamentale. Dopo 1 anno, le variazioni di peso si sono attestate a -4,0 kg per il placebo, -4,4 kg per zonisamide 200 mg, e -7,3 kg per zonisamide 400 mg. In un'analisi per categorie, ha conseguito un calo ponderale superiore o uguale a 5%, il 31% dei pazienti assegnati al gruppo placebo, il 34,2% di quelli trattati con zonisamide 200 mg, e il 54,7% dei soggetti nel gruppo zonesamide 400 mg. Un calo superiore o uguale a 10% è stato ottenuto, nell'ordine, dall'8,1%, 22,4% e 32,0% dei pazienti. Nei soggetti trattati con zonisamide, però, si è avuta un'incidenza più elevata di eventi avversi gastrointestinali, nervosi e psichiatrici rispetto a quelli inseriti nel gruppo placebo.
Arch Intern Med, 2012 Oct:1-8 [Epub ahead of print]


La disfunzione di Gpr120, recettore di acidi grassi, e l’obesità
Il funzionamento difettoso di una proteina, che agisce come sensore per monitorare i grassi assunti con il cibo, potrebbe essere una delle cause dell’obesità e di patologie epatiche, secondo uno studio condotto da ricercatori dell'Imperial College di Londra guidati da Philippe Froguel. Si tratta della proteina Gpr120, che si trova sulla superficie delle cellule dell'intestino, del fegato, del tessuto adiposo, ed è un recettore che si lega alle molecole di acidi grassi, in particolare a quelli insaturi a lunga catena, come gli Omega-3, e che ha un ruolo critico in vari meccanismi fisiologici omeostatici, quali l'adipogenesi, la regolazione dell'appetito e la preferenza per gli alimenti. La sperimentazione effettuata ha evidenziato che i topi di laboratorio con carenza della proteina Gpr120, quando vengono alimentati con cibi ad alto contenuto di grassi, sviluppano con maggiore frequenza obesità, intolleranza al glucosio e steatosi epatica. Negli esseri umani l'espressione di Gpr120 nel tessuto adiposo è significativamente superiore nei soggetti obesi rispetto a quelli magri; ma anche chi presenta certe mutazioni nel gene che codifica per la Gpr120 tende a essere più frequentemente obeso. I ricercatori hanno analizzato il gene che codifica per la Gpr120 in 6.942 persone obese e in 7.654 individui non obesi che hanno costituito il gruppo di controllo; hanno così constatato che una mutazione genica, che provoca una disfunzione nella proteina, si associa a un incremento del 60% del rischio di obesità. La mutazione ha un effetto simile a quello prodotto da una cattiva alimentazione, in cui non vengono assunti acidi grassi omega-3 in quantità sufficiente. Si prospetta dunque un target promettente per nuovi farmaci contro l'obesità e altre malattie metaboliche.
Nature, 2012 Feb 19. [Epub ahead of print]


Obesità, infiammazione e sindrome metabolica nei giovani danesi
A differenza dei coetanei in buona salute, gli adolescenti obesi fanno registrare una marcata infiammazione a bassa intensità e valori elevati dei biomarcatori di sindrome metabolica. Le misurazioni sono state effettuate nell’ambito di uno studio danese – diretto da Rikke Juul Gøbel dell'università di Copenhagen - su 51 ragazzi dai 12 ai 15 anni obesi e su 30 di pari età e peso nella norma. I risultati sono in linea con altri studi che avevano rilevato livelli più elevati di pressione sanguigna, insulina, insulinoresistenza, C-peptide, colesterolemia totale, Ldl, trigliceridi, proteina C-reattiva, interleuchina-6, tumor necrosis factor-alfa e livelli inferiori di colesterolo Hdl tra gli adolescenti obesi rispetto ai normopeso, mentre non si sono misurate differenze riguardanti glicemia, acidi grassi o calprotectina fecale. Inoltre, tra gli adolescenti obesi, fattori di rischio quali il colesterolo Ldl e la proteina C-reattiva sono apparsi associati positivamente con gli z- scores del body mass index. È stata anche trovata un’alta prevalenza di sindrome metabolica, pari al 14%, tra gli adolescenti obesi; inoltre, le misure di proteina C-reattiva sono risultate associate in modo positivo alla maggior parte delle misure antropometriche nel gruppo obeso, mentre all'analisi di regressione lineare multipla sia lo z-score Bmi sia la somma delle pliche cutanee hanno permesso di spiegare gran parte delle variazioni della proteina C-reattiva. Secondo i ricercatori, l’elevata percentuale dei casi di sindrome metabolica in questa popolazione sottolinea la necessità di arrivare a una maggiore conoscenza delle cause e dei meccanismi che si associano ai fattori di rischio e di intervenire con programmi specifici per ridurne la prevalenza tra gli adolescenti.
Acta Paediatr, 2012; 101(2):192-200


Chirurgia bariatrica, prima scelta nei pazienti diabetici obesi
La chirurgia bariatrica dovrebbe essere considerata in prima istanza nel trattamento dei pazienti diabetici e obesi, e non rimandata come ultima possibilità, al fine di limitare le gravi complicanze che possono derivare dal diabete di tipo 2. È la posizione ufficiale dell'International diabetes federation (Idf), che ha convocato un gruppo di esperti internazionali - tra i quali Francesco Rubino, direttore del Programma di chirurgia gastrointestinale metabolica del Weill Cornell medical college di New York e ricercatore dell'università Cattolica di Roma - con l'obiettivo di: sviluppare raccomandazioni pratiche su selezione e gestione dei pazienti, identificare le barriere all'accesso chirurgico, suggerire politiche sanitarie che garantiscano accesso egalitario alla chirurgia, identificare le priorità per la ricerca. «L'introduzione della chirurgia come legittima opzione nei protocolli terapeutici del diabete di tipo 2 cambia il modo di concepire la cura di questa malattia» afferma Rubino, coautore di una presentazione sul tema apparsa su Lancet. «Quando esercizio fisico, dieta e farmaci non sono sufficienti, bisogna valutare le caratteristiche del paziente e il grado di obesità per verificare se esiste indicazione all'intervento». In particolare l'Idf ha stabilito che la chirurgia bariatrica è appropriata per i diabetici obesi che non raggiungono i target raccomandati con le terapie disponibili, specie in caso di comorbilità (ipertensione, dislipidemia o apnea notturna), e che dovrebbe essere sempre considerata come opzione nei soggetti con indice di massa corporea (Bmi) superiore a 35 (kg/m2) oppure compreso fra 30 e 35 se il diabete non è controllato da una terapia ottimale. L'intervento, si legge, può portare a una cospicua perdita di peso e alla scomparsa del diabete in molti casi, a un miglioramento del controllo metabolico a 2 anni nel 72% dei pazienti e a 10 anni nel 36%; inoltre ha un rapporto efficacia-costo favorevole e un profilo di sicurezza accettabile, anche se l'Idf raccomanda l'esecuzione di studi per precisarne l'outcome a lungo termine.
Lancet, 2011; 378(9786): 108-10

Torna ai contenuti | Torna al menu