Pagina 211 - www.medicopratico.it - sito di Medicina Pratica Territoriale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina 211

IL MEDICO PRATICO > CHI E' IL MEDICO PRATICO

CHI E’ IL MEDICO PRATICO

 

E’ un medico che vorrebbe incontrarsi periodicamente con altri medici per studiare ed aggiornarsi, ma che spesso è da solo; un medico che non può fare a meno di riflettere sullo stato della medicina generale e  che constata giorno dopo giorno  lo stato di decadenza, sicuramente non spontanea, di questo professionista. Un medico che vuol fare  il medico, con  l'obiettivo e la presunzione  di trasformare il decadentismo attuale della nostra professione in un rinascimento della figura del medico di medicina generale, che, nonostante tutto, secondo tutti i sondaggi che puntualmente e periodicamente vengono fatti nel campo sanitario, è sempre la più apprezzata dalla gente, forse, appunto,  perchè il medico di medicina generale è quello che ha il rapporto più diretto e più forte col paziente; e quanto più il medico si impegna nella propria professione tanto più questo rapporto si rafforza ( e noi vogliamo che questo rapporto  diventi inscindibile ).
Per fare ciò  il medico di medicina generale deve essere preparato e deve ritornare ad essere quello che la gente immagina che egli sia:  
il medico che sa tutto e che deve saper fare tutto; un  medico  insomma che vuole ancora credere che si possa  riportare alla medicina generale quello che e' stato smarrito negli anni, bisogna cioè:  riconquistare tutta la parte di medicina generale di ogni specialità. Un medico quindi non solo prescrittore, ma anche capace di interventi diagnostici e terapeutici di primo livello che interessino tutta la patologia medica; un medico che si aggiorna continuativamente, che si evolve, che non rimane radicato in posizioni professionali statiche.  Un medico che impara,  ma che anche insegna;  un medico che ama la formazione  e che produce informazione, un medico che studia e fa ricerca, per dimostrare agli organi competenti quello che forse solamente noi sappiamo, cioè che la gran parte della medicina può, e deve,  essere fatta nello studio del medico di medicina generale. Oggi, dove il risparmio è al primo posto per chi amministra il nostro lavoro, il medico di medicina generale deve riconquistare il valore che merita , per noi medici, per il paziente (che già ci apprezza più di ogni altra figura sanitaria) e per la società.  Il medico di medicina generale deve quindi essere :  
punto di riferimento per campagne di prevenzione attiva,  
punto di riferimento per ricerche e studi sul territorio verso tutte le patologie, anche gravi, e sempre molto, forse troppo comuni ancor oggi, dove la diagnosi precoce può mutare l'evoluzione della malattia stessa, facendola virare in una prognosi sicuramente più favorevole.
E chi meglio del medico di medicina generale può  fare diagnosi precoce?
punto di riferimento nella gestione dell' economia sanitaria in generale e della farmaco/economia in particolare, che sembra essere il problema del momento, per dimostrare che il risparmio nella sanità nasce e parte dal medico di medicina generale, dal suo lavoro, dalla sua competenza e dalla capacità di assumersi giorno dopo giorno le proprie responsabilità.
Il mio suggerimento è quello di invitare colleghi a non isolarsi, ma ad unirsi, a fare  gruppo; la solitudine fa male  non solo nel campo sentimentale, ma anche nel campo professionale; fa male alla professione, fa male al professionista,  fa male a chi si affida ad un professionista isolato,  fa male alla ricerca e all'evoluzione della medicina. Viceversa invece l'unione fa la forza.  Un vecchio adagio dice: più siamo e più valiamo  e nella nostra professione questo va sottolineato più che mai.
Uniti quindi, per lavorare insieme, con possibilità  di un sano confronto, di una evoluzione e crescita professionale costante,  per fare in modo cioè che lo studio  e la cura  delle patologie,  anche le più diverse, non sia prerogativa di questo o quello specialista, ma che appartenga anche e soprattutto a chi conosce non solo la medicina, ma anche il paziente,  quindi al  medico di medicina generale;  in altre parole al medico pratico.

Filippo Luciano Dr. Venuto


Torna ai contenuti | Torna al menu