PATOLOGIA DA WEEK END ? - www.medicopratico.it - sito di Medicina Pratica Territoriale

Vai ai contenuti

Menu principale:

PATOLOGIA DA WEEK END ?

I SINTOMI PIU' FREQUENTI > I SINTOMI ORTOPEDICI > COLPO DI FRUSTA CERVICALE

COLPO DI FRUSTA
PATOLOGIA DA WEEK-END ?


Durante il fine settimana non solo sono in aumento gli incidenti stradali, che sono causa di decessi tra i giovani, ma anche i tamponamenti che spesso causano colpo di frusta cervicale; ecco puntuale il lunedì l'appuntamento con questi infortunati, la cui gestione non può essere affidata esclusivamente agli specialisti , anzi, al contrario, pochè oltre il 90% di questi pazienti deve essere gestito anche dal Medico Pratico, il quale, anche per i casi più complicati, con una visione generale e un'assistenza attenta e adurata può dettare e gestire la patologia in modo completo e cronologicamente adeguato.

Da uno studio osservazionale fatto da un gruppo di Medici di Famiglia del Sud Milano nel 2000 si è evidenziato quanto segue:
Generalmente tra coloro che subiscono l'incidente nel 54% si tratta di maschi e nel 46% si tratta di femmine (quindi i più distratti sono i maschi). E' una patologia del maschio giovane: 18-27 anni 55%, maggiore di 28 anni 45%: La frequenza settimanale è maggiore nel week-end con il 45% dei casi (quindi non solo la patologia del week-end ma anche e soprattutto patologia del traffico della strada). La media di visite in studio per episodio è di 4 volte. Per quanto riguarda la prognosi di riposo assoluto per un trauma lieve si va dai 10 ai 15 giorni; per un trauma moderato/grave rispettivamente dai 20 ai 35 giorni, per un'alterazione del disco euna listesi si arriva ai 60 giorni e infine per una frattura fino a 90 giorni.
La tipologia delle indagini diagnostiche è rappresentata per il 47% da Rx AP-LL, per il 19% da Rx funzionali e da Rx oblique, per il 9% da EMG, per il 4% da TAC e per il 2% da RMN (queste ultime in relazione anche all'età del paziente). Gli esiti delle indagini strumentali sono il 48% rettilineizzazione, per il 37% inversione, per il 9% normale e per il 6% discopatia. La tipologia della visite specialistiche è del 42% per il Fisiatra, del 33% per l'Ortopedico, del 17% per il Neurologo e dell'8% per il Neurochirurgo. L'obiettività è rappresentata maggiormente per la contrattura, la riduzione della mobilità e le parestesie agli arti superiori. I sintomi, iniziali e di fine prognosi, sono vertigini, cefalea, nausea, dolore, cervicalgia recidivante (riusciamo poco a incidere sui sintomi di fine prognosi solo con la terapia farmacologica per via generale).
Le sequele permanenti sono rappresentate da contrattura, dolore periodico, parestesie arti superiori, deficit arti superiori, vertigine periodica.

Per concludere:
Incremento incidenti annuo  di circa il 20%;
Maschi e i giovani I meno prudenti ;
E' una patologia del week-end ma anche e soprattutto del traffico della strada.
Probabilmente si elargiscono prognosi troppo prolungate ma nella prognosi totale è compreso il
riposo assoluto e il riposo relativo oltre alla tempistica degli approfondimenti diagnostici e somministrazioni fisioterapiche.
I danni organici più frequenti sono la conseguenza della rettilineizzazione e l'inversione della fisologica lordosi cervicale
I farmaci sono usati razionalmente.
C'è sicuramente scarsa razionalità nelle prescrizioni di cure e FKT, probabilmente per la scarsa conoscenza delle stesse.


Quindi:
Manca un razionale precrittitivo per la fisioterapia;
Manca una razionale prescrittività per Rx oblique-funzionali e TAC;
Sproporzionata richiesta di visite e pareri Neurologici, Neurochirurgici e ORL;
La spesa maggiore è per la Fisioterapia, ma è l'unica terapia (se ben applicata) ad incidere favorevolmente sulle sequele permanenti.


Torna ai contenuti | Torna al menu